Women and Anemia

Women and Anemia
 
Contattaci

Due miliardi di persone, oltre il 30% della popolazione mondiale, soffrono di anemia, spesso a causa di una carenza di ferro. Nelle aree svantaggiate l'anemia è spesso aggravata dalle malattie infettive.1

 

Le donne e i soggetti affetti da malattie croniche hanno un rischio maggiore di sviluppare un'anemia. Importanti considerazioni a tale riguardo sono:2

  • Alcune anemie sono ereditarie, potendosi presentare nel bambino sin dalla nascita.
  • Le donne in età fertile sono particolarmente esposte al rischio di anemia sideropenica a causa della perdita di sangue durante le mestruazioni e all'aumentata richiesta metabolica in gravidanza.
  • Anche i soggetti adulti in età più avanzata possono essere maggiormente esposti al rischio di sviluppare anemia dovuta ad alimentazione scorretta e ad altre condizioni.

Fattori di rischio per anemia sideropenica3

  • Mestruazioni abbondanti
  • Gravidanza, allattamento o parto recente
  • Interventi di chirurgia maggiore o trauma fisico
  • Malattie gastrointestinali tra cui la malattia celiaca, malattie infiammatorie croniche intestinali come colite ulcerosa e morbo di Crohn
  • Ulcera peptica
  • Procedure bariatriche, interventi di bypass gastrico in particolare
  • Dieta vegetariana, vegana o non includente alimenti ricchi di ferro (ferro di origine vegetale, oppure vegetali ricchi in ferro non assorbibile come il ferro contenuto in carni, pesce e pollame)
  • Assumere, in età pediatrica, più di 470-700 ml al giorno di latte vaccino (ha un basso contenuto di ferro, può diminuirne l'assorbimento o causare irritazione cronica della mucosa intestinale con relative perdite di sangue)
  • Stato di gravidanza nei paesi del terzo mondo, in particolare nelle donne affette da malaria, anchilostomiasi o deficit di vitamina A
  • Emorragie o tumori gastrointestinali, ulcera gastrica o duodenale, in donne di età pari o superiore a 50 anni
     


Fattori di rischio per anemia megaloblastica4

La causa più frequente di anemia megaloblastica è il deficit di acido folico o di vitamina B12. Altre cause meno comuni sono:

  • Abuso di alcol
  • Alcune malattie ereditarie
  • Farmaci che danneggiano il DNA, tra cui i farmaci chemioterapici
  • Leucemia
  • Sindrome mielodisplastica
  • Mielofibrosi
  • Fenitoina (Dilantin), farmaco anticonvulsivante


Fattori di rischio per anemia perniciosa5

L'anemia perniciosa si riscontra più comunemente nei soggetti di origine nordeuropea e africana rispetto ad altri gruppi etnici e il rischio è maggiore anche per gli anziani. Ciò è dovuto principalmente ad un deficit di fattore intrinseco secreto dallo stomaco che impedisce l'assorbimento della vitamina B12 nell'intestino tenue. La secrezione acida dello stomaco, infatti, si riduce fisiologicamente con l'invecchiamento.

 

L'anemia perniciosa può verificarsi anche nei più giovani e in altre popolazioni. Il rischio è maggiore in caso di:

  • Storia familiare di malattia
  • Resezione gastrica parziale o totale. Lo stomaco produce il fattore intrinseco, una proteina che aiuta il corpo ad assorbire la vitamina B12.
  • Malattie autoimmuni che coinvolgono le ghiandole endocrine come il morbo di Addison, il diabete di tipo 1, la malattia di Graves e la vitiligine. La ricerca suggerisce la presenza di un legame tra tali patologie autoimmuni e anemia perniciosa dovuta a risposta autoimmune.
  • Asportazione parziale o totale del piccolo intestino, sede di assorbimento della vitamina B12.
  • Malattie intestinali o altri disordini che possono impedire il normale assorbimento della vitamina B12 come il morbo di Crohn, le infezioni intestinali e l'HIV.
  • Farmaci che impediscono il normale assorbimento della vitamina B12, come alcuni tipi di antibiotici e gli antiepilettici.
  • Alimentazione priva di prodotti di origine animale o lattiero-caseari in assenza di supplementi di vitamina B12 o comunque inadeguata.
     


Share this page:

1WHO website [Internet]. [cited 2013 Mar 12] Available from: http://www.who.int/nutrition/topics/ida/en/index.html

2Website [Internet]. Available from: http://www.webmd.com/a-to-z-guides/understanding-anemia-basics

3Website [Internet]. Available from: http://www.hematology.org/Patients/Blood-Disorders/Anemia/5263.aspx

4Website [Internet]. Available from: http://health.nytimes.com/health/guides/disease/folate-deficiency-anemia/overview.html

5Website [Internet]. Available from: http://www.nhlbi.nih.gov/health//dci/Diseases/prnanmia/prnanmia_who.html