Women and Anemia

Women and Anemia
 
Contattaci

Anche se esistono numerosi tipi di anemie, e quindi di cause che le determinano, il contributo più significativo allo sviluppo di un'anemia è dato dalla carenza di ferro,1 il disturbo nutrizionale più frquente al mondo. Il ferro è l'unico nutriente il cui deficit ha una diffusione significativa nei Paesi industrializzati.2


Anemia sideropenica

L'anemia da carenza di ferro, detta anche anemia sideropenica, è un tipo comune di anemia (caratterizzata da bassi valori di globuli rossi) causata da insufficiente apporto e/o assorbimento di ferro alimentare o da una sua eccessiva perdita dovuta a sanguinamenti a carico di diversi organi come intestino, utero e apparato urinario.


Dati statistici

  • Il 50% dei casi di anemia è dovuto a carenza di ferro ma la percentuale può variare tra diverse popolazioni e aree geografiche in relazione alle specifiche condizioni locali.3
  • L'anemia sideropenica di grado moderato colpisce il 9% della popolazione mondiale e prevale nelle donne rispetto agli uomini.3
  • Le stime internazionali relative alla carenza di ferro non sono molto precise, anche se il numero reale corrisponde probabilmente a più di un miliardo di individui.3


Anemia megaloblastica

L'anemia megaloblastica è causata da una incompleta formazione dei globuli rossi che determina un'elevata presenza di cellule immature, non completamente sviluppate, nel sangue circolante. Tali eritrociti non funzionano come di norma e sottraendo spazio alle cellule sane provocano anemia. Dato lo scarso sviluppo di queste cellule, la loro sopravvivenza è ridotta.4 Bassi livelli di vitamina B12 o di acido folico sono le cause più comuni di questo tipo di anemia.


Dati statistici

  • L'anemia megaloblastica è più comune negli anziani, con un rapporto di 1:8000.5
  • Questo tipo di anemia è presente in tutte le razze anche se è più frequente nei Paesi nordici.5
  • Esiste un'associazione con altre malattie autoimmuni, soprattutto con patologie della tiroide, morbo di Addison e vitiligine.5
  • La prevalenza di questo tipo di anemia negli Stati Uniti è piuttosto bassa, con meno di 200.000 persone colpite.


Anemia perniciosa

L'anemia perniciosa (PA), una forma di anemia megaloblastica, è una malattia rara in cui il corpo non assorbe una quantità sufficiente di vitamina B12 dall'apparato digerente, determinando la produzione di un numero insufficiente di globuli rossi (RBC). E' anche definita come anemia da deficit di vitamina B12.

 

Dati statistici

  • Negli Stati Uniti un individuo su 680 (0,15% della popolazione) soffre di PA.
  • Si stima che la PA interessi lo 0,1% della popolazione complessiva e l'1,9% dei soggetti oltre i 60 anni di età, rappresentando il 20-50% del deficit di vitamina B12 nell'adulto.6
  • Uno studio su soggetti americani di età superiore ai 65 anni ha rivelato una prevalenza pari al 15% di bassi livelli di vitamina B12 nel sangue. Si tratta probabilmente di un dato sottostimato considerando l'aumento del numero di anziani e la diffusione di farmaci che riducono l'acidità gastrica.
  • Negli adulti la PA è più diffusa tra gli individui di origine celtica (es. inglese, irlandese, scozzese) e scandinava. In questi gruppi si verificano 10-20 casi/anno ogni 100.000 individui. L'anemia perniciosa è meno frequente nei soggetti appartenenti agli altri gruppi etnici.7
  • Anche se un tempo si riteneva che la malattia fosse rara tra i nativi americani e non comune nei soggetti neri, l'incidenza in questi gruppi ora appare più elevata rispetto alle stime  precedenti.7
  • La PA si manifesta generalmente in individui adulti di età compresa tra i 40 e i 70 anni. Nei soggetti di razza bianca l'età media di insorgenza è di 60 anni, mentre risulta inferiore nei soggetti di razza nera (età media 50 anni).7
  • In Inghilterra, Scandinavia e nella popolazione di origine africana è stata riportata una prevalenza della PA nel sesso femminile (1,5:1). Tuttavia, i dati provenienti dagli Stati Uniti mostrano una distribuzione uguale tra i due sessi.7

 



Share this page:

1Worldwide prevalence of anaemia 1993–2005 [Internet]. WHO global database on anaemia. Edited by Bruno de Benoist, Erin McLean, Ines Egli, and Mary Cogswell; ISBN 978 92 4 159665 7. [cited 2013 Mar 12] Available from: http://www.who.int/vmnis/publications/anaemia_prevalence/en/index.html

2WHO website [Internet]. [cited 2013 Mar 12] Available from: http://www.who.int/nutrition/topics/ida/en/index.html

3Website [Internet]. Available from: http://en.wikipedia.org/wiki/Iron_deficiency_anemia

4Website [Internet]. Available from: http://www.healthline.com/health/megaloblastic-anemia

5Kumar P, Clark M. Clinical Medicine. Fourth Ed. WB Saunders, 2002.

6Website [Internet]. Available from: http://en.wikipedia.org/wiki/Megaloblastic_anemia

7Website [Internet]. Available from: http://en.wikipedia.org/wiki/Pernicious_anemia

8Website [Internet]. Available from: http://misc.medscape.com/pi/iphone/medscapeapp/html/A204930-business.html